Tag Archives: euro

Settimana Forex, chiusura dati macro dopo le novità BCE

Dopo le notizie relative alle modifiche strutturali del programma di quantitative easing, allungato a dicembre 2017 con variazione del volume di acquisto titoli da 80 a 60 miliardi di euro, è la volta di una conclusione di settimana piuttosto tiepida per quanto concerne il calendario macro economico dell’area euro e dell’area dollaro. Continue reading

Trading, indicazioni deboli dai dati macro tedeschi

L’attesa per la pubblicazione dei nuovi dati macro dalla Germania è stata abbastanza delusa, considerando le deboli indicazioni che sono arrivate dalle stesse osservazioni, pubblicate in mattinata, a partire dalla produzione industriale: in settembre infatti si registra una contrazione ben più ampia delle attese per l’output che scende a -1,8 per cento mese su mese rispetto al -0,5 per cento previsto dal consenso. Continue reading

Dollaro inverte la rotta e torna al rialzo

Il dollaro ha chiuso la scorsa settimana al rialzo, invertendo la rotta che era stata maturata quindici giorni prima: le due precedenti settimane avevano infatti mostrato un calo che aveva solo parzialmente incrinato le impressioni di solidità della strada di crescita della valuta verde.

Ad ogni modo, tornando al presente, l’impennata del dollaro è derivata da una serie di elementi su cui spicca la pubblicazione dei dati sull’inflazione di venerdì scorso, che hanno sorpreso verso l’alto gli analisti. Ne è conseguito che, come intuibile, il biglietto verde ha beneficiato di tale sorpresa aprendo una strada di salita dalla lunghezza aleatoria, visto e considerato che lo scenario di mercato presenta ancora molti elementi di incertezza. Ne deriva che se – come sembra – le condizioni di mercato non dovessero migliorare con stabilità, anche in presenza di dati USA positivi in corso di pubblicazione, un rialzo dei tassi della Federal Reserve a marzo resterebbe poco probabile. A nostro giudizio, la Fed non toccherà i tassi di riferimento, aspettando consigli a tempi più miti. Continue reading